GUARDIE ZOOFILE ENPA SASSARI RECUPERANO BARBAGIANNI IN DIFFICOLTA’

IMG_0538La segnalazione è arrivata da un residente nel Comune di Olbia ,si trattava di un barbagianni  ( Tyto alba   )  uccello   rapace  notturno appartenente alla  famiglia  dei  Titonidi .Il barbagianni è considerato un  superpredatore.

Sono pallidi, 33-39 cm di altezza con un’apertura alare di 80-95 cm e hanno lunghe zampe. Hanno un volo oscillante quando si avvicinano ai terreni di caccia, hann ola capacità di rimanere in volo verticale per diverso tempo, captando le vibrazioni della preda.

Si nutrono di arvicole ,  rane  e  insetti  e di animali dannosi per l’uomo come i  ratti , i  sorci , le  talpe, aspetto quest’ ultimo che li espone ad avvelenamenti indiretti.  Un barbagianni adulto mangia approssimativamente 3 topi al giorno. Durante il periodo dell’accoppiamento, il maschio offre alla femmina una preda per ottenere la sua disponibilità sessuale. Una coppia che alleva dai 3 ai 5 piccoli consumerà molti più roditori.

Sin dai tempi antichi, il barbagianni è considerato e rappresentato come un essere maligno, o un fantasma, portatore di sfortuna e malessere. Ciò è dovuto al loro piumaggio fondamentalmente chiaro, che risalta nella notte nei suoi voli completamente silenziosi, all’abitudine di cacciare in posti come i cimiteri (data l’abbondanza di topi) o al suo verso acuto e prolungato, ciò lo espone, anche se non minacciato, a particolare rischio di uccisione.

L’animale soccorso è stato consegnato al Dott. Amadori referente Provinciale per il recupero della Fauna selvatica CRAS, il quale dopo accurati accertamenti provvederanno alla loro liberazione nel suo ambiente naturale.

FONTE :ENPA SASSARI